Terapia aversiva

nella pratica cognitivo-comportamentale si tratta di una terapia che associa uno stimolo sgradevole, come una scossa elettrica, alle situazioni da cui l’individuo è inopportunamente attratto.